On Air
Buonanotte al Secchio Un grande show
Home

A sky full of Aurore Boreali!

25 giugno 2017 16 Culture


Chicosssss! Come andiamo? Il caldo vi sfianca vero? Io lo adoro. Adoro l’estate in tutto e per tutto anche se ci sono gli esami e molte volte si lavora 🙂
Giustamente per essere in tema con questo caldo vorrei portarvi al fresco. Sí, direi che un bel giretto in Islanda ci sta tutto. Sarebbe stato (in teoria) il mega viaggio che avrei dovuto fare quest anno, ma come sempre la Spagna vince. Non nascondo come peró sia uno dei miei sogni sedermi per stare ore ad ammirare l’aurora boreale. Avete capito bene, questo straordinario fenomeno naturale è attivo tutto l’anno, ma avvistabile solo durante 8 mesi dell’anno, da settembre a metà aprile. L’Islanda è uno dei migliori luoghi al mondo per vedere le aurore boreali. Potrete scorgerle anche in centro a Reykjavík, ma il posto più strategico, se si vuole rimanere nei dintorni, è lungo la costa a Seltjarnarnes.
Ovviamente non voglio tralasciare la bellezza dei ghiacciai.. il più vasto e importante è il Vatnajökull (sì, non ho idea di che lingua sia questa). Non ci crederete mai ma nel 2001 fu organizzata una spedizione da un gruppo di emiliani, che attraversarono l’intera superfice da nord a sud! Che freddo raga!
Ma oltre al ghiaccio c’è di piu! Fiumi, laghi, cascate e i ovviamente FIORDI. La natura vive incontaminata e questa penso sia una cosa meravigliosa, considerato che oggi come oggi le parole ambiente e natura sono messe da parte.

Natura a parte, la cultura islandese è ricca e varia, oltre ad essere conosciuta per il suo patrimonio letterario scritto da autori vissuti dal XII al XIV secolo.
Non so se vi ricordate al liceo, peró nelle “Operette Morali” di Giacomo Leopardi celebre è il “Dialogo della Natura e di un Islandese” espressione del pessimismo cosmico leopardiano. Ed è ambientato in Islanda il romanzo fantastico “Viaggio al centro della Terra” di Jules Verne.
Per quanto riguarda altre arti tradizionali islandesi abbiamo la tessitura, la gioielleria in argento e l’intaglio del legno.

L’area di Reykjavík ( la capitale ) dispone di diversi teatri, un’orchestra sinfonica, un teatro d’Opera e un gran numero di gallerie d’arte, librerie, cinema e musei. Vi sorprenderà sapere che peró tra le prime cose da fare nella città c’è prendere un hot dog! Mi viene da ridere ma situato vicino al porto di Reykjavík, lo stand degli hot dog “Baejarins bestu” (letteralmente “Il migliore della città”) è famoso per servire i migliori hot dog in Islanda. C’è sempre la fila sul posto, specialmente nel pomeriggio e durante il week-end. Molti turisti stranieri dicono che siano i migliori hot dog del mondo. Anche i loro clienti più famosi, Bill Clinton o James Hetfield, ve lo possono confermare!
Continuando con i piatti tipici se non siete vegetariani o contrari alla caccia delle balene, a Reykjavík potete provare la carne di balena. Ci sono diversi ristoranti che la propongono nel loro menu, specialmente quelli vicino al porto. Uno tra i migliori è Saegreifinn, ristorante di pesce che serve anche kebab con carne di balena. Raga vi prego non fatelo se doveste mai andare in Islanda. Se siete dei tipi curiosi e non abitudinari, dovreste provare i piatti ancora più tradizionali. Qualcuno li trova disgustosi, ma per altri sono delle prelibatezze! Il più caratteristico è lo squalo fermentato, seguito da uno shot di Brennivin (superalcolico locale) per pulire il palato. Provare lo squalo è quasi visto come un rito, una prova di forza, e per gli islandesi è una sfida da proporre agli stranieri. Io la sfida la perdo volentierissimo!

Ora vorrei concentrarmi su qualcosa di un po’ particolare. L’Islanda è una nazione insulare dal grande fascino grazie alla sua conformazione geografica e alla presenza di molte storie e leggende. Più della metà della popolazione in crede alla presenza di elfi e fate e anche coloro che dicono di non crederci, non escludono con fermezza la possibilità che possano esistere. Ma ci pensate? Nessuno sa bene dove abitino gli elfi, ma ogni qualvolta bisogna erigere un nuovo palazzo o effettuare dei restauri, viene chiamato un esperto di fate ed elfi per un sopralluogo. Se durante i lavori avvengono poi cose inspiegabili e di dubbia natura allora subito sono portati a pensare che è opera delle piccole creature. La capitale Reykjavík é orgogliosa di avere un elevato numero di elfi nella propria città. A causa delle presenza di rocce di grandi dimensioni lungo la viabilità della città sono stati deviati i percorsi delle strade per non disturbare l’abitazione degli elfi. Inoltre data la vastità del territorio e l’aria pulita, si creano spesso illusioni ottiche come i miraggi nelle zone artiche. Scusate ma mentre scrivo queste cose mi viene troppo da ridere perchè magari se vivessi li potrei crederci anche io.

Che dire quindi? Siamo pronti per partire alla scoperta degli elfi? Direi che vi ho illuminato abbastanza e posso salutarvi mandandovi un mega bacio anche se il mio treno ha 50 minuti di ritardo. See you soon guys!


Share